Hotel Villa Duse Roma
  Villa Duse
  Camere & Suites
  Servizi
  Dove Siamo
  Offerte e Pacchetti Speciali
  Brochure PDF
  Fotogallery
  Mailing List
  Eventi a Roma
  Contattaci
  Recensioni

PRENOTAZIONE ONLINE
Data di arrivo:
Clicca qui per scegliere la data di arrivo
Notti:
Adulti:
Bambini:


  • 20% di sconto - 4 notti di lusso

    Concediti una pausa relax al Villa Duse! L\'offerta è valida dal 1 giugno al 31 agosto 2014 per un soggiorno di almeno 4 notti e comprende: • Sconto speciale del 20% • Calice di Prosecco • Prima colazione in camera su richiesta • Connessione internet Wi-Fi gratuita. Tassa di soggiorno non inclusa nel prezzoOfferta prepagata, non cancellabile. PRENOTA SUBITO

     
    Maggiori Dettagli >
  • 15% di sconto - Estate a Roma

    Concediti una pausa tra relax e cultura nella città eterna! L\'offerta prevede uno sconto del 15% sul soggiorno, per soggiorni di minimo 3 notti L’offerta include: • Sconto del 15% per un soggiorno di minimo 3 notti • Calice di prosecco di benvenuto• Prima colazione a buffet• Connessione internet Wi-Fi gratuita Tassa di soggiorno non inclusa nel prezzo Offerta prepagata non rimborsabile! PRENOTA ORA

     
    Maggiori Dettagli >


 
 

Conoscere Roma

Via Veneto

 Via Vittorio Veneto, che parte da Porta Pinciana e termina in piazza Barberini, nasceva con il progetto di dotare Roma di una zona di grandi moderni alberghi, di sfarzosi caffè ed eleganti negozi di livello internazionale alla pari con le altre grandi capitali. Un salotto, insomma, nello stile più moderno di un secolo che stava iniziando sotto l'insegna di mode e tendenze nuove. Nel succedersi dei decenni del novecento, via Veneto va perfezionando il suo ruolo e costruendo il suo mito: poeti, intellettuali, principi, monarchi, registi, ne fanno il proprio luogo d'appuntamento dove cultura, moda, cinema e spettacolo la fanno da padroni. Via Veneto diviene un set internazionale e un palcoscenico privilegiato per i soggiorni romani delle celebrità italiane e straniere. La strada raggiunge la sua massima celebrità, quando, negli anni ’60, si presta a scenario del film di Federico Fellini “La dolce Vita” in cui viene consacrata come simbolo e fulcro mondano della capitale.

Resa ormai celebre in tutto il mondo diventa meta d’incontro delle celebrità italiane ed internazionali, passerella di stelle in cerca di visibilità e di paparazzi in cerca di scoop. Con il passar del tempo la zona ha perso questa sua predominanza rimanendo comunque una delle strade più eleganti di Roma, offrendo ai suoi frequentatori, allora come oggi, seppur in modo diverso, echi di storia e mondanità del presente con i suoi rinomati caffè, gli alberghi da mille e una notte, negozi di lusso, ristoranti, bar all'aperto e locali notturni.

   
Alla scoperta dei misteri sotterranei dell'Antica Roma

Le aree archeologiche più segrete di Roma si aprono al pubblico con un fitto calendario di visite guidate e attività culturali. Sedici i siti della Sovraintendenza capitolina coinvolti nella rassegna: Acquedotto Vergine, Auditorium di Mecenate, Casa Protostorica di Fidene, Cisterna delle Sette Sale, Colombario di Pomponio Hylas, Insula Romana sotto Palazzo Specchi, Ipogeo di Via Livenza, Ludus Magnus, Mausoleo di Lucilio Peto, Mausoleo di Monte del Grano, Mitreo dell’Ara Massima di Ercole, Monte Testaccio, Porta Asinaria, Sepolcri Repubblicani, Trofei di Mario e Porta Magica, e Villa di Plinio.

   
Il Pantheon, un mistero lungo 2000 anni

Il mistero ha sempre circondato ciò che sta dietro il progetto insolito del Pantheon, un tempio gigante nel cuore di Roma, che fu costruito dall'imperatore Adriano.
Ora gli esperti hanno creato una teoria intrigante  secondo la quale il tempio ha agito come un orologio solare colossale, con un fascio di luce a illuminare il suo ingresso enorme nel momento preciso in cui l'imperatore entrava nell'edificio.

Giulio Magli, storico di architettura antica al Politecnico di Milano, e Robert Hannah, uno studioso di materie classiche presso l'Università di Otago in Nuova Zelanda, hanno scoperto che, proprio a mezzogiorno durante l'equinozio di marzo, un raggio di luce circolare di luce brilla attraverso gli “occhi” e illumina l’imponente ingresso del Pantheon.

 

   
Il buco della serratura

Di solito guardare dal buco della serratura per vedere cosa c’è al di là della porta è considerato un atto di poca educazione ma in questo caso è d’obbligo sbirciare. E’ possibile fare una bella passeggiata tra le strade alberate del colle romano dell’Aventino, percorrendo via di Santa Sabina si raggiunge il parco dei Savelli, detto Giardino degli Aranci, dai caldi colori e dai profumi intensi. Proseguendo, dopo aver visitato le chiese di Santa Sabina, fondata nel 425 d.C. da Pietro d'Illiria e poi quella dei Santi Bonifacio e Alessio risalente al V sec. si arriva a Piazza dei cavalieri di Malta che, progettata da Piranesi nel 1765, deve il nome all’Ordine dei cavalieri di Malta. La piazza, realizzata su incarico del cardinale Rezzonico, cui è dedicata la lapide, si presenta ricca di guglie, di stele e di trofei, sullo sfondo dei cipressi dell' abbazia e del campanile di Sant'Anselmo. Sulla piazza si trova anche il Palazzo del Priorato dei Cavalieri di Malta, sul cui portone, imponente e massiccio, si trova un buco della serratura all’apparenza normale, ma, a guardarci bene dentro, ci accorgiamo che non è affatto così. Infatti, mettendo un occhio nella piccola fessura, ci troviamo di fronte ad una vista incredibilmente suggestiva: da lì si può scorgere in tutta la sua maestosità San Pietro.

   
Il Vittoriano, un monumento moderno e controverso

Il Vittoriano di Piazza Venezia è sicuramente uno dei monumenti più noti di Roma, anche se non amato da tutti (in quanto ritenuto da alcuni fuori posto nel cuore della Roma imperiale), tanto da meritarsi il soprannome di "macchina da scrivere" o "white cake" per i turisti. Il suo nome deriva dal nome di Vittorio Emanuele II di Savoia, primo Re d’Italia, cui il monumento è dedicato.

Costruito tra il 1885 e il 1911, celebra l'Unità d'Italia ed è dedicato al primo re d'Italia, Vittorio Emanuele II. Naturalmente, la monarchia durò solo altri trent'anni dopo la realizzazione del Vittorioano, ma il monumento è ancora lì ed ha un significato importante per chi ha sentimenti patriottici. Sorvegliata dalle forze di Stato, una fiamma brucia sulla terrazza centrale per segnalare la presenza della tomba di un ignoto caduto nella I Guerra Mondiale: l'Altare della Patria.

Entrando dal cancello centrale, si possono salire le scale fino a superare il monumento equestre. Da lì, aggirando la terrazza colonnata verso sinistra troverete il caffè della terrazza. Vicino a quest'ultimo c'è un corridoio tra il monumento e la chiesa di S.ta Maria in Aracoeli, da quì si può prendere l'ascensore per la terrrazza panoramica del piano più alto (ascensore a pagamento).

 

   
Roma dall'alto

La bellezza di Roma, dei suoi monumenti, delle sue strade acciottolate, dei suoi scorci è indiscussa da secoli ma vedere la Capitale dall’alto, è davvero uno spettacolo mozzafiato. Roma offre molti scorci panoramici, davanti a cui perdersi. Si può ammirare il panorama di Roma dalla Cupola della Basilica di San Pietro,ultima grande opera di Michelangelo. 136 metri di altezza ed un diametro di circa 43. Per raggiungerla bisogna affrontare  ben 330 scalini: una fatica ben ricompensata dalla spettacolare vista che si aprirà davanti ai vostri occhi. E’ d’obbligo, poi,  affacciarsi dalla Terrazza di Castel Sant’Angelo, dominata dalla grande statua bronzea dell’Angelo, che svetta dall’alto di un basamento di travertino. Un panorama davvero unico è quello che si gode dall’alto delle “Terrazza delle Quadrighe”. Due ascensori panoramici, inaugurati nel 2007, permettono di raggiungere il punto più alto del Complesso del Vittoriano, dal quale è possibile ammirare Roma a 360°. La vista spazia dalla magnificenza del Colosseo e dei Fori Imperiali alle chiese del centro storico, dal fiume Tevere al Ghetto ebraico, dalla Piazza del Campidoglio al Quirinale e dal moderno quartiere Eur ai caratteristici Castelli Romani. E ancora, la Terrazza del Pincio,  il colle più bello di Roma  immerso nel verde di Villa Borghese da cui si può ammirare uno dei panorami più suggestivi sulla capitale, in grado di abbracciarne gran parte del centro storico, da vedere, magari, alla luce di un rosso tramonto. E poi il Gianicolo, per una spettacolare vista notturna della città e Monte Mario, noto anche come lo “Zodiaco”,  per un panorama da godere al chiarore delle stelle.

   

 
 
 
 
Ita uk Ita uk uk
Diventa un nostro fan su Facebook youtube
Hotel Villa Duse - Via Alamanno Morelli, 1 - 00197 Roma - Tel. +39-06.80693239 / +39-06.80691517 - Fax. +39-06.80662013
Email: info@hotelvilladuse.com - realizzazione siti internet dgNet - Privacy
SAMMITs.r.l. - Via del Corso, 37 - 00187 - Roma - Italia - CF. - P iva 06589801007 - REA 977423